Tendenza meteo per l'inverno 2018-19

Che inverno ci aspetta? Difficile dirlo con esattezza. Ma grazie al servizio di previsione stagionale del LaMMA possiamo offrivi un quadro delle tendenze che al momento sembrano emergere per la nostra regione nel prossimo trimestre invernale. 

 
Il periodo invernale (dicembre, gennaio, febbraio) è solitamente guidato dal vortice polare. I segnali che emergono dall'analisi di quanto accade in stratosfera (formazione del Canadian Warming*) e in troposfera (consolidamento dell'alta pressione di matrice russo-siberiana) sembrano favorire una possibile deformazione del vortice polare stratosferico con possibili irruzioni di aria molto fredda alle nostre latitudini (ipotesi da confermare nei prossimi mesi). 
Ulteriore dato da prendere in considerazione è che l'inverno 2018-19 sarà caratterizzato dal Nino in fase positiva; elemento che è solitamente correlato ad una maggiore propensione a scambi di tipo meridiano sull'Europa (nord-sud), quindi a discese di aria fredda dal nord Europa. 
 
Per il mese di dicembre allo stato attuale non si prevedono particolari anomalie termiche nelle zone di pianura (probabili invece anomalie termiche positive in montagna). Le precipitazioni sembrano nel complesso inferiori alla media anche se localmente sulle zone settentrionali della regione si potranno raggiungere valori più vicini alla norma per questo periodo.  
 
Per i restanti due mesi, in assenza di segnali conclamati in stratosfera il modello sperimentale del LaMMA ci indica un gennaio in linea con le medie, sia come temperature che piogge, mentre il mese di febbraio potrebbe risultare più freddo ma con piogge nella norma. 
 
  DICEMBRE GENNAIO FEBBRAIO
TEMPERATURE in media in media  sotto media
     
GIORNI PIOVOSI sotto media in media in media
 
 
Ricordiamo che le previsioni stagionali sono un servizio sperimentale e non hanno la stessa valenza predittiva delle previsioni meteo e breve e medio termine. 
 
 
 

Glossario:

*Canadian Warming: indica un’anomalia significativa del Vortice Polare Stratosferico. Si verifica (spesso nella fase iniziale dell’ inverno) in seguito ad un’ intensificazione dell’ alta pressione stratosferica delle Aleutine che tende a spostarsi verso il polo. Questo tipo di Warming può invertire il gradiente meridionale della temperatura e qualche volta cambiare, per brevi periodi, la direzione del vento zonale sulla calotta polare, ma tuttavia non porta mai al collasso del Vortice Polare Stratosferico.
 
 
 

Vedi anche:

Ultimo aggiornamento: 30/11/2018